home page home page
news_page team page
video_page dovesiamo_page
fotogallery_page team page
Facebook
Twitter
opt01

Giro d'Italia: la 96° edizione ricorda la tragedia del Vajont

La 96° edizione del giro d'Italia ha dato particolare risalto alle zone colpite dal disastro del Vajont. Sono state infatti due le tappe che hanno toccato i Comuni coinvolti nella tragedia del 1963:

 

Mercoledì 15 maggio 2013

11° tappa: Tarvisio - Vajont

La tappa di mercoledì 15, lunga 184 km, parte da Tarvisio, attraversa Tolmezzo per poi risalire verso Sella Campigotto, arrivo del primo Gran Premio della Montagna di questa tappa. I corridori passano poi dalla Regione Friuli Venezia Giulia al Veneto, con un dislivello di quasi 1000m attraverso il Cadore. Si prosegue poi a Longarone e da li si sale verso il Comune di Erto e Casso, con l'arrivo in Diga che coincide con il secondo Gran Premio della Montagna.Questa tappa, ribattezzata da subito "Tappa della Memoria", ha rappresentato un momento di riflessione da parte di tutti quelli che, a vario titolo, si sono interessati al Giro d'Italia: dall'addetto ai lavori fino al semplice curioso, chiunque abbia anche solo incidentalmente seguito questa tappa ha potuto rendersi conto delll'enormità della frana che il 9 ottobre 1963 si è riversata nella Diga, causando l'onda che si è riversata sul letto del Piave. Un momento importante di riflessione per tutti.

 

Giovedì 16 maggio 2013

12° tappa: Longarone - Treviso

Il giorno successivo il Giro riparte da Longarone, che nel '69 fu quasi completamente distrutta. Tappa più breve della precedente, 127 km, si snoda attraverso Ponte nelle Alpi e l'Alpago per procedere poi verso Vittorio Veneto attraverso il Fadalto. Dopo un primo Gran Premio della Montagna (Muro di Ca' del Poggio) si attraversa Pieve di Soligo e Crocetta del Montello. Segue un dislivello di 200m circa che porta al secondo Gran Premio della Montagna a Montello, per poi ridiscendere a Spresiano, Villorba ed infine arrivare a Treviso. Altro importante momento di raccoglimento, quando il Presidente della Regione Veneto, Zaia, la Maglia Rosa, Nibali, ed il Sindaco di Longarone, Padrin, depositano una corona di fiori al Cimitero Monumentale delle Vittime del Vajont di Fortogna. Ancora una volta, lo sport si fa veicolo di memoria.

Planimetria ed altimetria delle due tappe sono disponibili sul sito internet della Gazzetta dello Sport: http://www.gazzetta.it/Speciali/Giroditalia/2013/it/tappa.shtml?t=11&lang=it http://www.gazzetta.it/Speciali/Giroditalia/2013/it/tappa.shtml?t=12&lang=it

Sono inoltre disponibili alcune foto del Giro d'Italia nella nostra Galleria Immagini e nel gruppo facebook.







[ Indietro ]
credits