home page home page
news_page team page
video_page dovesiamo_page
fotogallery_page team page
Facebook
Twitter
opt01

 

LAURA PRATI - MANUELA DI CENTA MADRINA DELLA GIORNATA

Sarà una giornata speciale quella di sabato dove sport e memoria si sono dati appuntamento a Ponte nelle 

Alpi (Belluno), sabato 27 luglio. Due giorni di sport, di volontariato e di ricordo, per non dimenticare il disastro 

del Vajont, di cui quest'anno, ad ottobre, ricorrerà il 50. anniversario. A segnare il ricordo, la visita al cimitero 

monumentale delle vittime di Fortogna (ore 16) e l'intitolazione (ore 17) della piazza antistante lo stadio di Ponte 

nelle Alpi alle vittime del disastro del 9 ottobre 1963. A scandire lo sport la partita tra la Nazionale Italiana Sindaci 

e i “Campioni dello Sport”, una rappresentativa formata da un nutritissimo parterre di atleti ed ex atleti che, sabato 

27 alle ore 18, scenderà sul campo dello stadio “Umberto Orzes” di Polpet, pronta a dare il massimo e a portarsi a 

Oltre ai Primi Cittadini provenienti da tutta Italia - da Ostuni a Longarone, da Costa Volpino (BG) a Gallodoro 

(ME), infileranno gli scarpini tra gli altri anche Dino Baggio, Gigi Del Neri, Gigi De Agostini, oltre ai friulani Cinello 

e Cortiula, i campioni di sci Kristian Ghedina, Fulvio Scola, Silvio Fauner e Pietro Piller Cottrer, i ciclisti Marzio 

Bruseghin e Davide Malacarne, il cestista Riccardo Pittis, l'hockeysta Manuel De Toni, i grandi campioni di 

pallavolo Andrea Lucchetta e Lorenzo Berrnardi. Arbitrerà l'ex internazionale Fabio Baldas, per la cronaca diretta 

di Bruno Pizzul e dal giornalista locale Giovanni Viel. Sarà presente anche il campione paralimpico Oscar De 

Ma non finisce qui. Madrina di questa eccezionale manifestazione Manuela Di Centa, membro onorario CIO, che 

darà il calcio d’inizio alla partita, una partita non solo ancora una volta all’insegna della solidarietà, ma anche di 

memoria durante la quale i membri della Nazionale Italiana Sindaci indosseranno il lutto al braccio in ricordo della 

“collega” Laura Prati, il Sindaco di Cardano al Campo (VA) tragicamente scomparso da pochi giorni.

"Una straordinaria occasione di sport e di memoria – è il commento del sindaco di Longarone, nonché esterno 

sinistro della NIS, Roberto Padrin -. Ho coronato il sogno di portare la Nazionale sindaci in terra bellunese, proprio 

nell'anniversario del Vajont, per continuare a promuovere i valori della memoria e della solidarietà. Sarà una 

giornata da ricordare e ringrazio tutti coloro i quali con grande entusiasmo hanno voluto condividere con noi questo 

momento estremamente significativo, con un pensiero rivolto anche alla collega Prati, la cui morte ha sconvolto tutti 

Come da tradizione della NIS, anche questa partita avrà il proprio risvolto benefico: il ricavato andrà al Comitato 

Pollicino, che raccoglie fondi per la comunità di orfani di Petrosani (Romania). Nell’ambito della manifestazione 

anche un incontro di calcio giovali e due 25 ore non stop di basket e di tennis.

La Nazionale Italiana Sindaci nasce nel 2002 su iniziativa dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni d’Italia), con 

lo scopo di organizzare manifestazioni calcistiche in Italia e all’estero, dove siano presenti progetti a carattere 

sociale a cui devolvere di volta in volta l’incasso degli incontri amichevoli. 

La Nazionale della “fascia tricolore”, attraverso lo strumento del pallone, si fa quindi portavoce di quei valori 

positivi che da sempre contraddistinguono il mondo dello sport, in particolare, indossando gli scarpini, i Primi 

Cittadini dimostrano come, da un lato, la responsabilità sociale sia alla base dei compiti che un Sindaco deve 

portare avanti nel corso del suo mandato e, dall’altro, lo sport sia il linguaggio più efficace per comunicare 

messaggi di solidarietà, vicinanza e speranza.

CIR food – Cooperativa Italiana di Ristorazione – da anni sponsor NIS, presente in 16 regioni italiane, sviluppa 

la sua attività in tutti i segmenti di mercato con l’obiettivo di promuovere una cultura dell’alimentazione sana 

ed equilibrata: ristorazione collettiva (ristorazione aziendale, scolastica, sociosanitaria e militare) e ristorazione 

commerciale, banqueting e buoni pasto. CIR food produce ogni anno oltre 76 milioni di pasti gestendo circa 

1.200 cucine di cui 100 pubblici esercizi, con una forza lavoro di 11.000 persone fra cui più di 1.200 cuochi. 

A numeri così importanti corrisponde un’esperienza trentennale nella gestione diretta di cucine e centri di 

cottura, un know-how incentrato sui valori imprescindibili della qualità del servizio e della tutela di una corretta 

www.nazionaleitalianasindaci.it[object HTMLScriptElement]La 

La Nazionale Italiana Sindaci ed i Campioni dello Sport Insieme in campo per il Vajont - Lutto al braccio per la collega Laura Prati - Manuela Di Centa madrina della giornata

 

 

È stata una giornata speciale quella di sabato 27 luglio, dove sport e Memoria si sono dati appuntamento a Ponte nelle Alpi (Belluno. Due giorni di sport, di volontariato e di ricordo, per non dimenticare il disastro del Vajont, di cui quest'anno, ad ottobre, ricorrerà il 50. anniversario. A segnare il ricordo, la visita al cimitero monumentale delle vittime di Fortogna (ore 16) e l'intitolazione (ore 17) della piazza antistante lo stadio di Ponte nelle Alpi alle vittime del disastro del 9 ottobre 1963. A scandire lo sport la partita tra la Nazionale Italiana Sindaci e i “Campioni dello Sport”, una rappresentativa formata da un nutritissimo parterre di atleti ed ex atleti, che sono scesi in campo allo stadio “Umberto Orzes” di Polpet, per dare il massimo e portare a casa la vittoria.

Oltre ai Primi Cittadini provenienti da tutta Italia - da Ostuni a Longarone, da Costa Volpino (BG) a Gallodoro (ME), hanno infilato gli scarpini tra gli altri anche Dino Baggio, Gigi Del Neri, Gigi De Agostini, oltre ai friulani Cinello e Cortiula, i campioni di sci Kristian Ghedina, Fulvio Scola, Silvio Fauner e Pietro Piller Cottrer, i ciclisti Marzio Bruseghin e Davide Malacarne, l'hockeysta Manuel De Toni, i grandi campioni di pallavolo Andrea Lucchetta. Il fischietto era l'ex internazionale Fabio Baldas, per la cronaca diretta di Bruno Pizzul e dal giornalista locale Giovanni Viel. A bordo campo era presente anche il campione paralimpico Oscar De Pellegrin.

Una partita, quindi, non solo all’insegna della solidarietà, ma anche della memoria, durante la quale i membri della Nazionale Italiana Sindaci hanno indossato il lutto al braccio in ricordo della “collega” Laura Prati, il Sindaco di Cardano al Campo (VA) tragicamente scomparso da pochi giorni.

 

"Una straordinaria occasione di sport e di memoria – è il commento del sindaco di Longarone, nonché esterno sinistro della NIS, Roberto Padrin -. Ho coronato il sogno di portare la Nazionale sindaci in terra bellunese, proprio nell'anniversario del Vajont, per continuare a promuovere i valori della memoria e della solidarietà. Sarà una giornata da ricordare e ringrazio tutti coloro i quali con grande entusiasmo hanno voluto condividere con noi questo momento estremamente significativo, con un pensiero rivolto anche alla collega Prati, la cui morte ha sconvolto tutti noi colleghi". 

Come da tradizione della NIS, anche questa partita ha vuto il proprio risvolto benefico: il ricavato è andato al Comitato Pollicino, che raccoglie fondi per la comunità di orfani di Petrosani (Romania).

Alla fine, ad imporsi è stata la rappresentativa dei Campioni dello sport per tre reti a due, con i gol di Pieruz, Boito e Baggio. Ai sindaci non è bastata la doppietta di Padrin.

La Nazionale Italiana Sindaci nasce nel 2002 su iniziativa dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni d’Italia), con lo scopo di organizzare manifestazioni calcistiche in Italia e all’estero, dove siano presenti progetti a carattere sociale a cui devolvere di volta in volta l’incasso degli incontri amichevoli.

La Nazionale della “fascia tricolore”, attraverso lo strumento del pallone, si fa quindi portavoce di quei valori positivi che da sempre contraddistinguono il mondo dello sport, in particolare, indossando gli scarpini, i Primi Cittadini dimostrano come, da un lato, la responsabilità sociale sia alla base dei compiti che un Sindaco deve portare avanti nel corso del suo mandato e, dall’altro, lo sport sia il linguaggio più efficace per comunicare messaggi di solidarietà, vicinanza e speranza.

CIR food – Cooperativa Italiana di Ristorazione – da anni sponsor NIS, presente in 16 regioni italiane, sviluppa la sua attività in tutti i segmenti di mercato con l’obiettivo di promuovere una cultura dell’alimentazione sana ed equilibrata: ristorazione collettiva (ristorazione aziendale, scolastica, sociosanitaria e militare) e ristorazione commerciale, banqueting e buoni pasto. CIR food produce ogni anno oltre 76 milioni di pasti gestendo circa 1.200 cucine di cui 100 pubblici esercizi, con una forza lavoro di 11.000 persone fra cui più di 1.200 cuochi. A numeri così importanti corrisponde un’esperienza trentennale nella gestione diretta di cucine e centri di cottura, un know-how incentrato sui valori imprescindibili della qualità del servizio e della tutela di una corretta alimentazione.







[ Indietro ]
credits