home page home page
news_page team page
video_page dovesiamo_page
fotogallery_page team page
Facebook
Twitter
opt01

Notti bianche della memoria – La vita prima del profitto

5-6 ottobre 2013, nei pressi della diga del Vajont (Erto e Casso)

NONO PRESIDIO "NOTTE BIANCA DELLA MEMORIA" in occasione del 50esimo anniversario della strage di innocenti

LA VITA SEMPRE PRIMA DEL PROFITTO
 

Organizzato dai “Cittadini per la memoria del Vajont”

con la collaborazione del Comune di Erto e Casso, della Pro Loco e della Protezione Civile e dell'Aiea

 

PROGRAMMA DELLE GIORNATE

SABATO 5 OTTOBRE

Dalle ore 17 alla fine del presidio:
saranno allestite le tende dei Cittadini per la memoria del Vajont

Nel tardo pomeriggio:
arrivo dei ciclisti di Paciclica partiti da Brescia

Dalle ore 20:
verrà acceso un fuoco sulla frana, per stare insieme nel ricordo del Vajont e raccontare storie per tutta la notte

Alle 21.30 circa:
Pierina nella notte del vajont
Una delle 1910 storie. Parole, immagini, canzoni

di Giampiero Palmieri 
con il Gruppo Musicale Di Costalta 

Dalle 22.30 circa: 
Dibattito attorno al fuoco
con la partecipazione di:

Aiea (associazione italiana esposti amianto): il lavoro vale una vita?
Luigi Robaldo del Movimento NO TAV Valsusa: la partecipazione attiva della cittadinanza nelle decisioni che sconvolgono la vita del territorio e di chi lo abita
rappresentanti dei cittadini dell'Aquila: la vita stravolta dalla ricostruzione
Paolo Cacciari: l'esperienza di Marghera

Vittorio Agnoletto: la vicenda della Diaz, lo stravolgimento della verità 
e la persecuzione contro chi la vuole raccontare
Nicola Pondrano: testimonianza da Casale Monferrato
Michele Michelino: morire per il lavoro
testimonianze lavoratori Tyssen Krupp, Eureco
in ricordo di Gleno: l'altra diga maledetta

Nel corso della nottata si cercherà di mettere a punto una strategia 
di lotta comune tra tutte le associazioni per:

ottenere le scuse da parte dello Stato italiano per la strage del Vajont e di Ustica

togliere dalla legge 9 ottobre Per la memoria delle vittime dei disastri industriali e naturali causati dall'incuria dell'uomo la parola “incuria” 

togliere dalla legge la prescrizione di 5 anni per i morti sul lavoro e di lavoro 
quando sia stata provata la responsabilità diretta dei datori di lavoro

inserire nell'ordinamento giuridico il reato di depistaggio 

Nel corso del dibattito, alle 23.30 circa: 

LUFTMENSCH 
Storie e ricordi dalla patria di nessuno

Reading di Raoul Melotto
Musiche: Cesare Sampaolesi
Costumi: Remo Buosi e Alexander La Rue

 

DOMENICA 6 OTTOBRE

Alle 10.00 circa, sulla frana alta 

Innalzamento del PALO DELLA MEMORIA
con 1910 bandierine colorate in ricordo delle vittime del Vajont
posa della targa da parte dei Cittadini per la memoria del Vajont

Orario e luogo da definire presso il Comune di Erto e Casso: 
collegamento SkyPe con Daria Bonfietti, dell'Associazione familiari delle vittime di Ustica che si batte per ottenere le scuse da parte dello Stato

Dalle ore 14 alla fine del presidio:

I PALLONCINI DEL VAJONT
Ai bambini presenti saranno distribuiti i palloncini dell'Unicef da liberare sulla frana in ricordo delle 487 piccole vittime del Vajont







[ Indietro ]
credits